L’intervento del Generale di Brigata Mario Cinque