PONTECAGNANO FAIANO: NUOVO ARREDO URBANO E PARCHEGGI

PONTECAGNANO FAIANO: NUOVO ARREDO URBANO E PARCHEGGI

Inaugurazione arredo urbano e parcheggi tra via Po, via Picentino, via Tevere e Largo Sele

L’orgoglio del Sindaco Ernesto Sica: “Avanti con dignità e più forti di chi non ama questa Città”

 

sica3_A“Passo dopo passo stiamo cambiando il volto di questa e di tante altre zone della Città. Nonostante meccanismi burocratici sempre più complessi, vincoli finanziari stringenti e un notevole ridimensionamento delle risorse per gli enti locali e malgrado i tentativi di bloccare l’azione amministrativa e, quindi, il territorio da parte di chi non ama Pontecagnano Faiano, posso assicurare che noi non ci fermiamo. Andiamo avanti più forti e determinati di prima, con estrema dignità e sempre per favorire le massime condizioni di trasparenza, legalità e sviluppo”.   

A ribadirlo, ieri sera, il Sindaco Ernesto Sica nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’intervento di arredo urbano e parcheggi tra via Po, via Picentino, via Tevere e Largo Sele.

Insieme al Primo Cittadino, erano presenti l’Assessore ai Lavori pubblici e alla Manutenzione Mario Vivone, Consiglieri Comunali e Assessori, il parroco della Chiesa Maria SS Immacolata Don Enrico Pagano, residenti e operatori delle attività produttive. Ad aprire la cerimonia l’esecuzione dell’Inno d’Italia.

Il Sindaco Ernesto Sica, nel suo intervento, ha ribadito “l’importanza di un’opera in un’area nevralgica e storica del territorio a beneficio dei tanti residenti, delle attività commerciali e di tutti i cittadini”.

“Dopo la riqualificazione di piazza Pio X – ha aggiunto – consegniamo un altro risultato straordinario per questa zona e abbiamo già predisposto gli interventi di completamento previsti nelle aree circostanti. Sono orgoglioso perché per raggiungere tale traguardo abbiamo dovuto fronteggiare, anche in questo caso, oltre a rallentamenti e problematiche burocratiche, tante difficoltà quotidiane, tra cui l’ostruzionismo di coloro che non dimostrano di amare e rispettare questa Città. Ma queste persone non ci hanno fermato e non ci fermeranno perché la stabilità, la determinazione, la sinergia e la programmazione dell’Amministrazione sono più forti di tutto e di tutti”.

“In tal senso – ha concluso – mi preme ringraziare l’Assessore Mario Vivone per il grande impegno a favore di questo intervento, gli Assessori e i Consiglieri Comunali che sostengono e alimentano la nostra azione quotidiana e gli uffici comunali per il lavoro svolto. E voglio confermare che il processo di trasformazione e riqualificazione urbana in atto si espanderà a tante altre zone del territorio”.    

L’importanza dell’intervento è stata ribadita anche dall’Assessore Mario Vivone per il quale “stiamo assicurando all’intera area e a tutta la Città una migliore viabilità, più servizi, più decoro e maggiore sicurezza attraverso interventi di fondamentale importanza”.

Con i lavori del Comune, è stato, infatti, garantito un riammagliamento viario tra via Tevere e via Po con la creazione di parcheggi, la riqualificazione delle aree circostanti e un nuovo arredo urbano in via Po. Si è, dunque, provveduto alla realizzazione di un percorso pedonale con marciapiedi di collegamento con il centro abitato e di una rotatoria al fine di ottimizzare la viabilità. E l’Amministrazione ha già predisposto la progettazione e la destinazione delle risorse necessarie per l’attuazione degli interventi di completamento previsti in via Picentino e via Tevere.

A benedire l’opera il parroco Don Enrico Pagano prima del tradizionale taglio del nastro.

E il taglio del nastro ha accompagnato, a seguire, anche la riapertura del Teatro San Paolo in via Tevere organizzata dalla parrocchia Maria SS Immacolata alla presenza dell’Amministrazione.

“Entrare in questo fantastico posto – ha detto Don Enrico Pagano dal palco – è come accedere nella macchina del tempo perché rappresenta una storia di circa 25 anni spinta, soprattutto agli inizi, da un grande entusiasmo culturale. E’ la stessa vivacità che vogliamo riattivare adesso perché il teatro è un luogo di rilancio per la parrocchia e per l’intera Città”.

“E’ doveroso – ha proseguito Don Enrico Pagano – ringraziare tutti i padri missionari e la stupenda comunità dell’Immacolata che, oggi come allora, ha sostenuto fortemente l’iniziativa a testimonianza che questa parrocchia, nella condivisione di momenti lieti e meno belli, è davvero una famiglia di famiglie. Grazie di cuore, allo stesso tempo, a tutti i giovani dell’oratorio Giovani Speranze, al Sindaco Ernesto Sica e all’Amministrazione, che ci sono sempre vicini, e a coloro che hanno contribuito ai lavori per la riapertura. Adesso attiveremo subito nuovi progetti per i bambini e avvieremo una bellissima stagione teatrale per il 2017”.

“Esprimo le mie più vive congratulazioni – le parole del Sindaco Ernesto Sica –  a Don Enrico e all’intero comunità dell’Immacolata che hanno saputo coronare questo splendido traguardo. L’attivismo del territorio e delle sue anime è motivo di grande orgoglio per l’intera Amministrazione soprattutto quando i protagonisti sono famiglie che, in quanto tali, rappresentano i veri pilastri della Città. E grandi pilastri sono anche le parrocchie e gli oratori che, insieme alle scuole, contribuiscono alla formazione di buoni cittadini e alla crescita dei nostri giovani”.

L’appuntamento è stato arricchito dall’esibizione musicale a cappella, particolarmente apprezzata, del coro Crescent in una sala gremita ed entusiasta.


Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *