PONTECAGNANO FAIANO: DIGITAL OPEN SPACE, LUNEDÌ L’INAUGURAZIONE ALL’IC PICENTIA

PONTECAGNANO FAIANO: DIGITAL OPEN SPACE, LUNEDÌ L’INAUGURAZIONE ALL’IC PICENTIA

Sinergia tra IC Picentia, Amministrazione Comunale, Giffoni Innovation Hub e Avalon:

le scuole di Pontecagnano Faiano stupiscono ancora, lunedì inaugura il Digital open space

 

Sempre più eccellenti e innovative le Scuole di Pontecagnano Faiano.

L’ultima novità in ordine di tempo è rappresentata dal Digital open space che verrà inaugurato lunedì 27 novembre 2017 al plesso Secondaria di I Grado dell’IC “Picentia”.

L’Istituto Comprensivo guidato dal Dirigente Ginevra de Majo, grazie al cofinanziamento del Comune di Pontecagnano Faiano e in collaborazione con il Giffoni Innovation Hub e l’Associazione Avalon, ha, infatti, realizzato il laboratorio Dos nell’ambito del Piano nazionale scuola digitale.

Si tratta di uno spazio, aperto al territorio, che vuole essere un luogo privilegiato di integrazione, in cui ragazzi e professionisti del settore, provenienti da tutto il mondo, possono dedicarsi alla ricerca e alla progettazione nel campo della fabbricazione digitale: dall’ideazione di videogame agli smart toys, dal coding alla robotica, dalla stampa 3D alla computer grafica, favorendo l’orientamento e l’autoimprenditorialità.

Gli obiettivi dell’atelier creativo verranno illustrati, alle ore 10.30, in una conferenza stampa dal Dirigente scolastico Ginevra de Majo, dal Sindaco Ernesto Sica, dall’Assessore alla Pubblica Istruzione Maria Rosalba de Vivo, dal Direttore del Giffoni Experience Claudio Gubitosi.

I workshop, invece, in programma dalle ore 16 sono: “Robotica per i più piccoli” con gli esperti Tinkidoo srl; “Robotica kit Lego” e “Coding&Scratch” con i docenti dell’istituto.

Alle ore 16.30, infine, convegno con il Dirigente scolastico Ginevra de Majo, il founder e ceo del Giffoni Innovation Hub Luca Tesauro, il Presidente dell’Associazione Avalon Michele D’Elia, il Presidente della BiMed Andrea Iovino, il professore associato del dipartimento di Informatica Unisa Vittorio Scarano, il founder Mediterranean FabLab Amleto Picerno Ceraso, il founder e ceo di Tinkidoo srl Sonia China, il Presidente dei Giovani Imprenditori di Salerno Pasquale Sessa.

“L’Ic Picentia, risultato secondo a livello regionale per il progetto di creazione del Digital open space, nell’ambito dei finanziamenti per il Piano nazionale scuola digitale – dichiara il Dirigente Ginevra de Majo – esprime la propria soddisfazione e la propria gratitudine all’Amministrazione Comunale di Pontecagnano Faiano, che ha contribuito al progetto, ed è fiera di presentare alla cittadinanza un nuovo spazio laboratoriale inteso come luogo di sperimentazione, creazione, progettazione di manufatti grazie all’utilizzo della tecnologie in 3D (stampanti, plotter ecc…), aperto ai professionisti e alla Comunità. Per gli alunni dell’Ic Picentia si tratta di un’opportunità unica di coniugare le potenzialità espressive della tecnologia con lo sviluppo delle capacità artistiche, imprenditoriali e ideative dei nostri cittadini in erba, anche nell’ottica dell’orientamento al mondo del lavoro e alla scoperta delle proprie potenzialità. Il Dos sarà aperto al territorio, grazie all’impegno delle associazioni partner del progetto, e ospiterà percorsi formativi e laboratoriali legati al coding, alla robotica, alla creazione di smart toys, alle certificazioni informatiche”.

“I nostri istituti – dice il Sindaco Ernesto Sica – si confermano ancora una volta di eccellenza e autentico riferimento nell’ambito dell’innovazione didattica a livello nazionale e non solo. In tale ottica, siamo davvero orgogliosi di aver sostenuto il progetto del Dos che rappresenta un eccezionale momento di formazione, confronto e sviluppo per gli alunni e per l’intero territorio grazie ad una proficua sinergia tra l’IC Picentia, l’Amministrazione Comunale, il Giffoni Innovation Hub e l’Associazione Avalon. Noi continuiamo a investire nelle scuole e per le scuole per rendere i nostri plessi sempre più belli ed efficienti, sempre più aperti alle associazioni e all’intera Comunità e per assicurare le migliori competenze possibili ai nostri ragazzi in linea con le richieste del mercato del lavoro europeo”.

“Lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti e del pensiero computazionale mediante il potenziamento delle metodologie e attività laboratoriali, in un’ottica di valorizzazione della scuola come comunità attiva aperta al territorio – ribadisce l’Assessore Maria Rosalba de Vivo – non può non trovarci forti sostenitori. Il concept di scuola digitale si prefigge di trasformare il modello trasmissivo della scuola e di sfruttare le opportunità offerte dalle Ict e dai linguaggi digitali per supportare nuovi modi di insegnare, apprendere e valutare anche al fine di predisporre percorsi formativi individualizzati e di coinvolgimento attivo degli alunni. In altre parole sosteniamo e promuoviamo l’innovazione perché sia sostenibile e trasferibile”.

“Giffoni – afferma il Diretto del Giffoni Experience Claudio Gubitosi – fa da sempre rete nel territorio: grazie a questo progetto vogliamo mostrare la nostra volontà di cooperare con insegnanti, studenti e istituzioni territoriali. Questo per favorire il processo di competenze digitali che Innovation Hub sta portando avanti insieme al supporto dell’Unione Europea nell’ambito delle digital skills, trasmettendole anche alle fasce degli studenti di scuole primarie e secondarie. Dos Digital open space non sarebbe nato senza la vittoria del bando del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ‘La mia scuola accogliente’, e senza la collaborazione tra l’Istituto comprensivo Picentia, il Comune di Pontecagnano Faiano e l’Associazione Avalon. Un doveroso ringraziamento va al Sindaco, all’Assessore alla Pubblica istruzione Maria Rosalba De Vivo e alla Dirigente scolastica del Picentia Ginevra De Majo. Innovation Hub ha dato vita e forma a un’idea, unendo la fabbricazione digitale alla capacità di Giffoni di educare alla consapevolezza dello strumento tecnologico, come è stato fatto anche in passato. A partire dal prossimo mese, Dos diventerà un vero e proprio format innovativo firmato Giffoni, vendibile alle scuole (pubbliche e private, italiane e internazionali) per realizzare nei propri istituti degli atelier creativi a disposizione degli studenti (e non solo) in orari scolastici ed extra scolastici”.

Dos Digital open space – le parole del ceo del Giffoni Innovation Hub Luca Tesauro – rappresenta uno spazio fisico dove poter lavorare con i bambini sulle competenze digitali, come intelligenza artificiale e programmazione. I laboratori pensati nascono con l’intento di portare avanti l’idea di ‘Giffoni Education’. Avere uno spazio fisico in una scuola permette un dialogo costante con genitori e insegnanti, al fine di comprendere meglio le interazioni tra i bambini e gli adulti. Giffoni lo ha sempre fatto grazie allo strumento cinematografico, non solo rispettando il ruolo dell’insegnante, ma anche quello del genitore. Dal punto di vista pratico sono coinvolti più di mille bambini, con progetti formativi ad hoc. Questo risponde anche a una domanda importante: quali sono le competenze digitali che serviranno a rispondere alle esigenze professionali del domani? Grandi aziende come la Apple o la Microsoft rispondono a questo quesito da tempo. Giffoni lo fa con il proprio linguaggio, con la capacità di interagire con quel target. Lavoreremo moltissimo sull’ambito degli smart toys, ovvero i giocattoli intelligenti. E questo perché la riflessione sul tema dell’intelligenza artificiale è probabilmente l’interrogativo del millennio”.

“Avalon – conferma il Presidente Michele D’Elia – è scesa subito in campo a sostegno di questo progetto perché abbiamo sempre ritenuto necessaria la realizzazione di un polo innovativo che potesse mettere in relazione la cittadinanza con le nuove tecnologie. Nostro impegno, in tal senso, è rivolto al coinvolgimento del mondo scolastico nelle attività creative affinché i piccoli abbiano piena consapevolezza degli strumenti disponibili. Tale collaborazione è per noi motivo di orgoglio in quanto ci occupiamo, sin dalla nascita della nostra associazione, di politiche giovanili e, pertanto, comunicare con i ragazzi in uno spazio così importante e aperto alle tecnologie per accompagnarli verso una crescita sensibile è un passo avanti davvero importante. Questo hub ha un valore immenso per il territorio e rappresenta concretamente un impulso a livello economico e sociale”.

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *